Ambiente. Grossi e imperdonabili errori di Beppe Grillo

Pulizia nel parlamento, tagli ai parlamentari e alle loro retribuzioni, ecc..Tutto bene.
Ma sull'ambiente Grillo e i suoi commettono gravi errori.
Grillo si è più volte dichiarato favorevole alle rinnovabili, contrario ai termovalorizzatori e agli OGM. In tutti e tre i casi commette gravi errori.
Secondo me la vera soluzione a tutti il problemi dell'Italia e del mondo è un vero comunismo. Ma ecco come stanno veramente le cose in tema di ambiente:
Incominciamo dalle rinnovabili:
Il prof. Zichichi ha dimostrato che l'uomo incide sul riscaldamento globale per lo 0,245%.
Ecco la tesi del prof. Zichichi:
La favola che il riscaldamento globale sia opera dell'uomo non sta in piedi. Ed ecco perchè: premettiamo che che il 98% dell’atmosfera è costituito da azoto ed ossigeno, che non danno effetto serra. Del rimanente, i gas serra non raggiungono nemmeno lo 0,5%. Di questo 0,5% il gas serra di gran lunga più importante è l’acqua, H2O, presente in forma di vapore e di nuvole in concentrazione del 0,33%, circa 10 volte superiore della CO2 al 0,038%. Inoltre le caratteristiche chimico fisiche dell’acqua le conferiscono una capacità serra superiore a quella della CO2. Un contributo non trascurabile viene anche dal metano, CH4 , presente al 0,0002%, malgrado la sua bassa concentrazione, in quanto la sua molecola presenta una elevata capacità serra.
Quindi, come espresso dal prof. Antonio Zichichi, se togliessimo dall’atmosfera tutta l’anidride carbonica, e cioè quello 0,038% , l’effetto serra resterebbe allo 0,462%. In altre parole alla CO 2 va attribuito il 7% dei gas serra. Inoltre: l’atmosfera va immaginata come un grande polmone che assorbe ed espelle anidride carbonica. La massa liquida della Terra (detta oceano globale), il suolo e le piante iniettano nel polmone della Terra (atmosfera) la stragrande maggioranza di CO2: 96,5 per cento. L’attività umana è responsabile del restante 3,5 per cento (di cui l’uno per cento dovuto alla deforestazione).
E quindi l’effetto dovuto all'uomo sarebbe solamente il 3,5% di questo 7% (e cioè circa l'insignificante 0,245 %!!).
Ma i potenti d'Europa hanno scriteriatamente deciso di ridurre del 20% questo irrilevante 0.245% entro i 2020!
Risparmiandovi i calcoli (ma li potete fare da voi), l’Italia entro il 2020 dovrebbe essersi sbarazzata di tutte le automobili in circolazione. Oppure aver eliminato tutte le sue centrali elettriche.
Ma Grillo e i suoi vorrebbero turbine eoliche o pannelli fotovoltaici. Il che crea tre problemi. Uno economico, uno tecnico e uno ambientale. Per quello economico, basti sapere che impianti eolici e fotovoltaici costerebbero, rispettivamente, 200 e 2.000 miliardi (molti dei quali già spesi). Per quello tecnico basti sapere che la loro presenza non evita l’installazione di quelli convenzionali (carbone , gas, ecc..), che devono funzionare quando il Paese richiede energia elettrica anche se il sole non brilla o il vento non soffia. Per quello ambientale basti notare che servirebbero almeno 200.000 turbine eoliche e che smaltire pannelli FV dismessi è più difficile che smaltire le scorie radioattive delle centrali nucleari.

Questione rifiuti:
Energia dalla monnezza. Cent'anni fa in Svezia il primo inceneritore ha iniziato a funzionare. Così, ricavare elettricità bruciando rifiuti è divenuto, lì, negli anni la principale fonte di energia per il paese scandinavo, più del petrolio, del gas, dell'acqua e del nucleare.

Gassificatori e biomasse. L'energia viene prodotta attraverso le biomasse, composte da rifiuti vegetali e animali (e anche umani) e grazie a loro, gran parte delle città svedesi è riscaldata attraverso centrali termiche alimentate direttamente dalla combustione di rifiuti o impiegando il gas prodotto dalla fermentazione della spazzatura. Diversamente da altri paesi come l'Italia, questi impianti non hanno mai provocato l'effetto Nimby (Not In My Back Yard, “Non nel mio cortile”) e sono stati accolti dalla popolazione senza troppi problemi.

Riscaldare le città con i rifiuti. Infatti, il problema dell'inquinamento sembra effettivamente piuttosto scarso. La città di Stoccolma, per esempio è riscaldata grazie alla centrale di Högdalen che utilizza biogas e biomasse. I tecnici della struttura sottolineano che i vapori prodotti dalle loro ciminiere emettono costantemente nell'aria sostanze tossiche pari alla quantità di tre sigarette accese contemporaneamente. Una bugia? Probabilmente no, visto che gli ispettori governativi che si occupano di protezione ambientale confermano questo dato.

Riciclare tutto, conviene. Mentre in Italia finisce in discarica anche fino all'80% dei rifiuti, in Svezia solo l'1%. Un risultato incredibile ma nemmeno troppo. Gli svedesi sembrano aver capito che i rifiuti non sono affatto un problema, bensì una risorsa, anche una risorsa energetica in grado di produrre più delle centrali nucleari, a costi decisamente inferiori. Le sostanze che non possono essere utilizzate e che finiscono in discarica sono quelle pericolose, chiuse in contenitori ermetici.

Stoccolma, gioiello energetico ed ecologico d'Europa. Non a caso Stoccolma è stata la prima città dell'Unione europea a ricevere il marchio di "capitale verde" d'Europa. Oggi alcuni quartieri della città, che conta 850mila abitanti (poco meno di Torino), stanno per raggiungere l'autosufficienza energetica grazie proprio ai rifiuti. Non si utilizza solo la spazzatura domestica, ma anche le acque nere (cioè quelle che in genere finiscono nelle fogne per inquinare mari e fiumi) che vengono convogliate verso le stazioni di riciclaggio per essere trasformate in biocarburante, utilizzato poi dalla vicina centrale termica.

Tanto rifiuto, tanto profitto. Ma come si è giunti a creare questo circolo virtuoso del “ri-uso” a fini energetici? In Svezia, tutta la filiera del riciclaggio del rifiuti beneficia di agevolazioni fiscali. In questo modo i profitti sono così elevati che la domanda di rifiuti inizia a superare l'offerta. Se prima una “miniera d'oro” a cui attingere era la Norvegia, oggi anche i cugini scandinavi, hanno realizzato termovalorizzatori. Così, le aziende svedesi sono a caccia di grandi fonti di immondizia da poter impiegare per produrre energia. E quale luogo sembra rappresentare una nuova “miniera d'oro” per i virtuosi nordici? Napoli, of course. Una società svedese-norvegese di Göteborg è disposta ad acquistare la munnizza campana fino ad un milione di tonnellate all'anno, ad un prezzo stracciato di 90 euro ogni tonnellata. Un vero affare per gli svedesi, un'offesa alla tanto decantata intelligenza italica.
Questione OGM:
Gli OGM sono importantissimi e utilissimi per l'agricoltura: è spiegato bene in questo articolo: http://galileo2010.blogspot.it/2009/03/mais-danni-all-dal-di-precauzione.html

Nessun commento

Posta un commento