Così i rifiuti faranno volare gli aerei di linea

LONDRA. Risolvere il problema delle discariche e trasformarlo in rimedio per l'inquinamento da trasporti: la strada verso il sogno delineato da decine di scienziati sembra finalmente aperta. Il Dipartimento dei Trasporti di Sua Maestà britannica ha infatti deciso di stanziare 22 milioni di sterline - quasi 24 milioni di euro - per lo sviluppo di un carburante derivato dai rifiuti e utilizzabile dagli aerei e dai camion, in risposta agli allarmi sulla qualità dell'aria, in continuo peggioramento. Il governo di Londra e l'Unione europea stanno anche preparando - ognuno per proprio conto - una serie di test realistici per misurare le emissioni delle automobili: dopo lo scandalo Volkswagen, la fiducia nei dati forniti dalle case costruttrici è calata in modo sensibile.
Secondo i calcoli del Dipartimento, aerei e camion potrebbero tagliare del 90 per cento le emissioni di anidride carbonica usando un carburante derivato dall'immondizia. Il combustibile ottenuto dal trattamento dei rifiuti sarebbe molto simile a quelli tradizionali e dovrebbe poter permettere un utilizzo dei motori già esistenti senza grosse modifiche. La speranza è che da questo finanziamento vengano creati entro il 2021 cinque impianti per la produzione del carburante non inquinante, che entro il 2030 valgano 600 milioni per l'economia britannica e garantiscano 9800 nuovi posti di lavoro.
Leggi tutto qui: http://www.repubblica.it/ambiente/2017/08/29/news/dalle_discariche_ai_cieli_cosi_i_rifiuti_faranno_volare_gli_aerei_di_linea-174100207/?ref=RHPPRT-BS-I0-C4-P1-S1.4-T1

Nessun commento

Posta un commento